SECONDA FASE

Nella seconda fase della sperimentazione si prevede un'attivita' di carattere ANTROPOLOGICO: 

CORSO DI ANTROPOLOGIA

...in diversi gli ambiti operativi...

UTENSILI -STRUMENTI COSTUME
ALIMENTAZIONE HOMO LUDENS
 GIOCO

RITI E SEPOLTURE

VANITA'

 

-L'individuo con il gioco, impara a conoscere se stesso e a capire gli altri. La conoscenza delle origini e dell'evoluzione dei giochi attraverso la storia e la geografia, arricchisce e favorisce il nostro rispetto verso gli altri popoli. 

-Inventare da soli i giochi permette un apprendimento che sfrutta la nostra creatività grazie al contatto diretto con i materiali utilizzati e con il gioco che nasce dalle nostre mani.

-Il gioco all'aria aperta ci fa sentire l'ambiente circostante come parte integrante e integrativo della nostra realtà vitale.

-Dai giochi emergono idee, notizie, informazioni e proposte provenienti da ogni parte del mondo. Questo sta a dimostrare che il nostro pianeta sia trasformato in un mondo unico per tutti e ci rende consapevoli di come l'avvenire dell'umanità dipende dalla reciproca comprensione tra i popoli. Il gioco ha origini antichissime, addirittura agli inizi dell'umanità, legati principalmente alle religioni antiche con rituali per propiziare fertilità o per esprimere adorazione degli astri. Uno dei primi libri sui giochi venne redatto nel 1283 dal Re di Castiglia AlfonsoX, nella storia è noto come Alfonso il Saggio. La "Dama" è rappresentata già nei palazzi di Tebe, nell'antico Egitto. I giochi nei quali si tira a sorte consentirono agli uomini di interrogare gli dei per ottenere aiuto o protezione.

-I giochi di puro ragionamento come gli indovinelli quasi certamente furono praticati già dagli uomini delle caverne seduti intorno al fuoco.

-Il giocatore incallito è, naturalmente, un altro fenomeno universale, in particolare nei giochi in cui entra a far parte la scommessa. Non si diventa uno scommettitore vizioso in un giorno: il giocatore scivola pian piano verso uno stato patologico, ogni volta più grave fino a precipitare in un trabocchetto mentale dal quale difficilmente potrà sfuggire. Fortunatamente, per la maggior parte delle persone l'attrazione costante ha la sua ragione di essere solo nel puro piacere del divertimento.

HOME